Category

tecnologia

Dating-facebook-c3buzz

Dating Facebook e il guerrilla marketing delle emozioni

By | tecnologia

Facebook nasce con lo scopo di mettere in connessione persone che già si conoscono e non si vedono da tempo, come un vecchio compagno di scuola o un amico che avevi conosciuto all’università. Negli anni si è evoluto e declinato sviluppando diversi strumenti al suo interno: i gruppi, le pagine aziendali, la realtà aumentata, il marketplace dove poter vendere da un vecchio paio di scarpe fino addirittura alla casa al mare. Non resta un mistero però, non prendiamoci in giro, che sin da subito è stato utilizzato dai suoi utenti per sì fare amicizia, ma soprattutto per provarci e magari perché no, fidanzarsi pure.

Oggi facebook istituzionalizza quello che facevamo da anni, timidi o sfrontati, nella sua nuova funzionalità: Facebook Dating, il social network diventa (ufficialmente) anche piattaforma di incontri.

Come funziona Dating Facebook?

Dating consisterà in una nuova tab, disponibile solo per gli utenti da 18 anni in sù, all’interno dell’app. Non esiste una versione desktop e si può creare un profilo diverso da quello personale, che si usa per condividere foto di gattini, in modalità Secret Crush.

Le persone sono suggerite in base alle preferenze, gli interessi e le attività in genere svolte su Facebook. Se sei interessato a qualcuno, puoi commentare direttamente il suo profilo o toccare il pulsante “mi piace” per farglielo sapere, in modo molto diretto e senza fronzoli.

Dating Facebook è attualmente in rollout in altri mercati ma il suo arrivo è previsto anche in Europa, e in particolare in Italia, a inizio 2020. Per il momento è possibile utilizzarla negli Stati Uniti e in altri 19 Paesi tra cui: Argentina, Bolivia, Brasile, Canada, Cile, Columbia, Ecuador, Guyana, Laos, Malesia, Messico, Paraguay, Perù, Filippine, Singapore, Suriname, Tailandia, Uruguay e Vietnam.

fonte: https://newsroom.fb.com/news/2019/09/facebook-dating/

Cosa lo differenzia dalle tantissime note e meno conosciute app d’incontri?

Un bacino di utenti incredibilmente grande e il rassicurante nome di Mark Zuckerberg a fare un po’ da sacerdote garante.

Rispetto a Tinder e altre app, con Dating Facebook è possibile trovare nuovi utenti grazie a suggerimenti basati su interessi e passioni in comune, uniti alla posizione e alla vicinanza geografica grazie il santissimo sistema di geolocalizzazione.

Non esiste lo swipe tra i profili dei vari utenti, questo strumento sembra essere incentrato su un tipo di conoscenza dell’altro non basato sulla prima impressione estetica, ma su una sorta di corteggiamento più simile ad un incontro reale. In che modo si concretizza tutto questo? Attraverso la creazione di una serie di domande finalizzate a matchare gusti e preferenze da incrociare, per far partire conversazioni tra persone in più possibile“affini”. Chissà come Zuckerberg ha pensato di sopperire all’assenza di contatto fisico, elemento di completa rottura fra dating app e incontri reali, e come pensa di attuare questa sorta di corteggiamento più vicino alla realtà, alla vita. Ad alcuni tutto ciò spaventa, che possa avvenire un processo di digitalizzazione nei sentimenti, ma siamo ancora umani e non automi… per fortuna.

Ecco l’opinione di Nathan Sharp, product manager responsabile di Dating Facebook“La ricerca di incontri è un aspetto che vediamo da sempre su Facebook Ora vogliamo rendere più semplice e confortevole conoscersi. Secondo noi era il momento giusto per farlo”.

Siamo in piena era del guerrilla marketing delle emozioni.

realtà aumentata c3buzz

Realtà aumentata, questa sconosciuta: scopri la ultime novità

By | tecnologia

Che cos’è la realtà aumentata?

“Per realtà aumentata, si intende l’arricchimento della percezione sensoriale umana mediante informazioni, in genere manipolate e convogliate elettronicamente, che non sarebbero percepibili con i cinque sensi” (2005, weekend nel futuro)

Effettivamente da questa citazione sembrerebbe un po’ complicato capire che cos’è la realtà aumentata. Rettifico, non sembra ma lo è in effetti.

Come funziona?

In realtà è molto più semplice farvi capire cos’è dicendovi come funziona: basta inquadrare con un tablet o uno smartphone un qualsiasi oggetto, subito dopo compariranno sul vostro display diversi tipi di contenuti: testi, immagini, filmati dal vero o in animazione. La realtà aumentata è dunque la rappresentazione di una realtà alterata, modificata, in cui vengono inseriti nuovi elementi virtuali che la rendono più ricca rispetto a quella che potrebbe essere percepita normalmente dai nostri sensi.

Un ambiente fisico arricchito all’istante da informazioni generate da un computer, all’interno del quale l’utente ha un’esperienza immersiva in un contesto concreto, rimanendo in un contesto fisico reale.

Primi esempi di realtà aumentata

I primissimi esempi di realtà aumentata, sono da rintracciare nel settore dell’aeronautica militare sotto forma di head-up display (HUD) – visore a sovrimpressione – sugli aerei da combattimento per mostrare ai piloti dati di volo quota e velocità del velivolo o la distanza dall’obiettivo, senza distogliere lo sguardo dalla “guida”. Un’applicazione sicuramente più peacefull è quella dei Google Glass: l’utente indossa gli occhiali e, usando semplicemente la voce o il touchpad integrato, fa ricerche su Google, scorrazza per il web, dà un’occhiata ai social network o legge le notizie online. E si possono anche fare operazioni più semplici come telefonare, mandare messaggi, condividere foto e video.

Filtri instagram realtà aumentata

Nell’ultimo anno, instagram ha dato la possibilità ai propri utenti di sperimentare la realtà aumentata attraverso dei filtri, applicabili sia sul viso che all’ambiente circostante. La cosa superlativa è che adesso, grazie a programmi come spark ar, qualsiasi utente con qualche competenza digitale, può sperimentare e creare il proprio filtro, caricarlo su Facebook e se verrò approvato, condividerlo con i propri amici e con tutti gli utenti del social netwok.

fonte gizblog.it

 

Youtube prove make up realtà aumentata

I tutorial e le recensioni sul trucco sono alcuni dei contenuti più popolari su YouTube, che sta investendo molto su questa fetta di mercato  con l’introduzione di una nuova funzione di realtà aumentata per il make up virtuale direttamente dall’app YouTube. Si chiama AR Beauty Try-On ed è progettata per essere utilizzata dividendo lo schermo.

Quando disponibile, il tutorial su YouTube viene riprodotto nella parte superiore dello schermo, mentre nella parte inferiore viene mostrata l’immagine trasmessa dalla fotocamera frontale dello smartphone. In questa sezione, il display mostrerà una palette di colori, ad esempio con nuove sfumature di rossetto o di ombretto, che potranno essere toccati per essere applicarli al viso dello spettatore mentre il video viene riprodotto nella sezione superiore.

fonte wired.it

Provare occhiali da sole e vestiti realtà aumentata

Ormai da anni è possibile provare occhiali da sole. E’ molto pratico per convincere quegli utenti ancora non proprio sicuri nell’acquistare online per via dell’impossibilità di provare il prodotto. Adesso non è più così, è addirittura possibile, attraverso degli specchi particolari, provare anche vestiti di diverso tipo alla velocità di pochi secondi

unconventional marketing realtà aumentata c3buzz

fonte agrap.it

Design interni e realtà aumentata: esempio ikea

E’ possibile anche arredare casa propria con la realtà aumentata, pensa la comodità di non dover passare interminabili ore nei centri commerciali e di vedere in tempo reale, i mobili collocati nella tua cucina, nel tuo soggiorno.

realtà aumentata c3buzz

fonte spaziotech.it

La realtà aumentata sta trasformando radicalmente e in meglio la nostra vita e rivoluzionando il modo di fare marketing, cambiando le prospettive preesistenti verso la creazione di mondi potenzialmente infiniti.

Con la nostra app puoi visualizzare contenuti 3d ovunque tu voglia, non ci sono limiti se apri le porte della tua fantasia.