Guerilla marketing e serie tv: le campagne più belle

By Ottobre 21, 2019guerilla marketing
la-casa-di-carta-c3buzz-guerilla-marketing

Da quando hai fatto l’abbonamento a Netflix sei diventato, anche tu, un serie tv addicted?
Benvenuto nel club di chi preferisce di gran lunga il trinomio pizza-serie tv-divano ad un’uscita. Accettiamo anche i più moderati nel nostro club, dai divoratori più sfegatati di serie tv quindi, ai consumatori quasi occasionali. Non discriminiamo nessuno.

Netflix non è l’unica piattaforma che viene utilizzata per guardare le serie, diventate ormai componente indispensabile della nostra quotidianità, da ammazza-tempo, a dolce compagnia, a rassicurante presenza. Ma a noi, oltre a farci impazzire tanto le serie tv, ci fanno impazzire tutte le campagne di guerrilla marketing ad esse collegate. E dato che vi vogliamo bene, oggi vi mostriamo quelle che ci hanno colpito di più.

Pronti? Guerilla marketing e serie tv: il connubio perfetto

 

1992

Per l’uscita della serie 1992 sono state avvistate delle comparse, nelle principali piazze di Roma, vestite con outfit anni ’90. Uno scenario visivo immersivo che riporta immediatamente a un altro contesto storico e sociale e ricorda, ovviamente, i personaggi della serie.

SUBURRA

Per Suburra, la strategia di unconventional marketing punta tutto sul reverse graffiti, super urban e in linea con il mood della serie. Sottile ma non troppo, la scelta di “stampare il claim STA PER VENIRE TUTTO A GALLA #SUBURRA, proprio accanto a dei tombini.

HOUSE OF CARDS

Grafica, giochi di parole e di senso, utilizzo e stravolgimento della comunicazione politica: tutto in chiave molto pop, con colori sgargianti e vivaci. Una dose di ironia a rendere questa campagna davvero saporita.

LA CASA DI CARTA

Questa serie, in breve tempo, ha conquistato il cuore di tanti e ha aperto la strada alla commercializzazione delle serie tv spagnole  in Europa. In diverse piazze d’Italia sono comparse delle cabine con dei manichini all’interno con la tipica divisa dei rapinatori della casa di carta.Dettaglio che non tutti hanno subito percepito: è stato un modo per presentare sia l’uscita della nuova stagione della serie, sia il nome di alcuni nuovi personaggi.

I SOPRANOS

Non nuovissima come campagna guerrilla marketing in serie tv, ma sicuramente storica e d’impatto. Non vi nascondiamo che a primo acchito ha messo paura a un bel po’ di americani vedere quel braccio esanime penzolante, ma si sa, questo tipo di marketing è irruente e aggressivo.

STRANGER THINGS

Per Stranger Things era d’obbligo un cartellone pubblicitario enorme e strano, che richiama l’attenzione all’istante e fa venire  immediatamente in mente le paranormali vicende accadute a Hawkins negli anni ’80.

IL TRONO DI SPADE

Concludiamo ritornando nel capoluogo meneghino, questa volta il guerrilla marketing delle serie tv fa tappa a Milano. In contrapposizione con la natura violenta della serie Il trono di spade, usando come base degli sparti traffico, sono state realizzate delle carine e coccolose miniature dei personaggi di GOT.

 

Leave a Reply